Cartata di resche - UIFPW08

giovedì 29 aprile 2021

Ambra era nuda ed io alla finestra, accanto.

 C'erano curve mozzafiato e rettilinei infervoriti dalla luna
c'erano energie da vendere e mari mossi agitati dai momenti
e lasciar cadere le emozioni era come perdere
cio che le mani sapevano stringere forte e sognare
come velluto o seta da toccare finemente lasciata andare
li dove vento sapeva tornare, senza farsi male
non vi erano che chiodi alla pareti ed errori da evitare
sedie da sistemare e innocenti passioni da provare..
avevi le lacrime agli occhi e gli occhiali scuri da buttare
se fossi qui lascierei la malinconia per la tua pazzia di saper amare.
AVMpress 2021 © Riservato ogni diritto e utilizzo
 

1 commento:

LaDama Bianca ha detto...

Molto molto bella ed intensa.
Sembra di vedere ogni cosa, quasi di sbirciare da un buco della serratura.