Cartata di resche - UIFPW08

martedì 19 maggio 2015

La distanza non ha colore

E' quel non so che non mi sta addosso vestito di silenzio
con le maniche corte prive di perdono con la vita alla ragione
e l'anima in disordine che non vola.
E' quel filo di vergogna che nascondo tra le parole
quando anche il cuore duole senza ragione
perché nella preoccupazione muoio e mi rivolto
come foglie al vento d'un autunno presente.
E' infondo quel perdersi tra la distanza e il cielo
quel cielo senza stelle.
Chiamami  quando la felicità tarda ad arrivare
perché la vita lascia me sognare.


AVMpress 2015 © Riservato ogni diritto e utilizzo

3 commenti:

silvia de angelis ha detto...

...sempre intense, e gradite, le sensazioni del tuo profondo...buongiorno Maurizio,silvia

Marisa ha detto...

Sei proprio bravo con i tuoi versi.

Teca M. Jorge ha detto...

Intenso... "perché la vita lascia me sognare."

Beijo carinhoso.