Cartata di resche - UIFPW08

giovedì 22 maggio 2014

Maurizio a te vicino.

Non è il silenzio che basito mi stordisce
come un pugno inaspettato mentre porgi l'altra guancia,
ma la forza di un fiume
che mostra prudente la sua capacità di tenere conto
entro gli argini della sua vita,
qualsiasi cosa che non è trasparente come acqua pura vuole,
ma consapevole che mare verrà a dimenticare il corso della storia.
Confronto le mie mani e sembrano uguali ma tra i capelli,
ad occhi chiusi, attesero un lungo momento di silenzio.

3 commenti:

Tamara @ ha detto...

mi commuovo....
mi emoziono...
ti sorrido

Francesca Edesia ha detto...

Sei bravissimo nell'uso delle parole, bella questa poesia.

silvia de angelis ha detto...

....momenti di silenzio, che sanno ampliare l'intensità d'un pensiero..buon venerdì,Mau,silvia