Cartata di resche - UIFPW08

sabato 15 dicembre 2018

Duepertrenove

Corsi cosi tanto come tacqui dall'esser me stesso
che diedi mesto a volgar fortuna incenso di baci
al morir della luna.
AVMpress 2018 © Riservato ogni diritto e utilizzo

venerdì 14 dicembre 2018

Ph. Blu


La primavera di Febbraio

Adesso scrivo a te
si a te
a te che riesci con lo sguardo a farmi innamorare
adesso scrivo a te
perché non conosco valore che non sia il tuo amore
adesso scrivo a te
perché vorresti un mondo che non c'è
perché vivi l'amore attorno a te
come una primavera in fiore, per me
con sentimento, con dolore
poi attraversi i miei occhi ed impazzisco
stasera.. non sei con me...
UNDICIDUE

giovedì 13 dicembre 2018

Ph. Mile splendidi soli


Non solo nero

Adesso.. tira fuori l'orgoglio,
adesso che puoi farlo, non nascondere la mano
fallo e basta.
Si vive una volta sola e si ama per sempre.
 AVMpress 2018 © Riservato ogni diritto e utilizzo

mercoledì 12 dicembre 2018

Ph. Quaranta


Fino a questo istante

E sempre qualcosa di effimero distante
Coperto da rami divelti e sgargianti
Come se da vero spunta quel sereno stenti a credere
Perché piove e non conosci ragione
E sempre qualcosa che non comprendi
Anche se scrivi di nuvole e lasci vuoti assenti
Ho cambiato ottica ma ciò che vedo e' sempre lo stesso.
AVMpress 2018 © Riservato ogni diritto e utilizzo

martedì 11 dicembre 2018

Ph. Only for your eyes


Lungi da luna

Chi ci ha messo la faccia non nasconde le pietre nella mano destra
Chi ha trovato porto non sceglie la guerra di nuvole bianche
Non trova segni zodiacali nel cassetto ne monete di ieri perse di vecchio
Ne rincorre frottole di numeri d'agosto a sole fermò
Per ingannare il tempo lungi dai tuoi occhi la luna
Ritenta, avrai forse più fortuna.
AVMpress 2018 © Riservato ogni diritto e utilizzo

lunedì 10 dicembre 2018

Ph. Klips


E' sempre un gioco senza carte

Se vuoi  puoi ma sono piu i sogni che cerchi che quelli che perdi
dalla misura alla fortuna lascia il mare mosso
per dirlo non chiedi ne cerchi emozioni ma doni
da calendario  allo stradario e' sempre natale da dimenticare.
Firma alla prossima prima di scendere
c'è sempre qualcosa da aspettare.
AVMpress 2018 © Riservato ogni diritto e utilizzo

domenica 9 dicembre 2018

Ph. Manifesta


Lettera dal fronte

Lo so che quello che hai passato negli ultimi sei anni non è stato affatto semplice. Se è stata una passeggiata, allora hai camminato tra le fiamme dell’inferno. Ma è proprio per questo che devi continuare a camminare. Per darti almeno la possibilità di uscirne.
Il passato non può essere dimenticato, ma può essere superato. Tutto ciò che ti occorre è qualcuno che ti prenda per mano e ti aiuti a continuare il tuo percorso. E la mia mano è tesa perciò, ti prego, afferrala. Non c’è bisogno di girarsi indietro per vedere l’anoressia, parte di te la vedrà per sempre, vivrà sempre con te, la amerai sempre. Non è stata la miglior parte di te, ma è stata la depositaria di tutto ciò che avresti potuto essere e a cui hai deciso di opporti. Sappi che ti ammiro per il tuo coraggio.
Lo so che ogni tanto la superficie dell’acqua s’increspa. Non posso cancellare la disperazione dell’inferno vissuto sulla tua pelle. Tutte quelle sensazioni positive provate durante il periodo della restrizione, tutto il dolore dei ricoveri, tutta la fatica di vivere, tutto l’odore dell’odiata/amata morte che si avvicinava lentamente. Per tutta la vita, non riuscirò a cancellarlo da te.
Però… sono sempre fuggita via da te. Perdonami. Avrei voluto abbracciarti un po’ più a lungo. Sono ancora in tempo per rimediare?
Non aver paura. Voglio solo abbracciarti. Non con uno di quegli abbracci che stringono e che sembrano una trappola, ma abbracciarti con leggerezza, appena sfiorarti. Per riuscire a trattenerti senza stringerti.
Ti mostrerò cosa significa vivere per te stessa e non per gli altri e per quello che fanno e che dicono. Ti lascerò libera di piangere quando ne avrai voglia senza che tu debba vergognarti per questo o considerarlo un segno di debolezza. Ti starò vicina nei momenti più felici e soprattutto in quelli più difficili. Ti terrò per mano, e se cadi ti aiuterò a rialzarti.
Non sarò mai troppo impegnata per non sentire quello che hai da dirmi, mai troppo lontana da non raggiungerti se mi chiamerai. Non ti farò mai sentire sola, indesiderata o incompresa. Ti lascerò essere matura quando lo vorrai, e bambina quando ti servirà. Rispetterò ogni promessa che ti farò.
Ti pettinerò i capelli facendoti le trecce, ti canterò le canzoni che vorrai sentire, ti ascolterò quando avrai voglia di parlare. Non ti cancellerò e non ti lascerò mai più sola. Conto su di te.
Sei la cosa più importante per me… perché tu sei me.
UNDICIDUE