Cartata di resche - UIFPW08

martedì 4 marzo 2014

Io sono il mio grido

Ancorami al tempo che ti rimane funesto senza confronti
pavido e tremulo di invitante incanto completo di sogni e fango
come eco d'un tempo privo di sole come eco di una fantasia
come un bacio che lentamente scivola via.

2 commenti:

silvia ha detto...

Caro Maurizio i tuoi scatti sempre meravigliosi, e i tuoi versi sempre emozionanti sei bravissimo.

silvia de angelis ha detto...

.....quel bacio che scivola, è dolcissimo! a presto, Mau,silvia